L’eroico carabiniere di Cusano sventa un altro colpo al super

Il 25 febbraio affrontò un conflitto a fuoco con due banditi, rimanendo ferito

Silvia Villani

Avevano atteso l'orario di chiusura per rapinare il supermercato Sma di Cormano, ma mai si sarebbero aspettati che all’uscita, ad attenderli, ci fossero due carabinieri. Per darsi alla fuga non hanno esitato a estrarre un coltello lungo 22 centimetri e a colpire i militari. Che non si sono certo spaventati. Anche perché uno di loro aveva partecipato a febbraio a una sparatoria, finita con il suo ferimento e la morte di un rapinatore.
Erano da poco passate le 19.30 quando due giovani a bordo di uno scooter sono più volte passati davanti alle vetrine del supermercato di via XXIV Maggio attendendo che anche l'ultimo dei clienti uscisse dal negozio. Poi, coprendosi il volto, hanno fatto irruzione intimando alle cassiere di consegnare l’intero incasso della giornata. I due carabinieri, in borghese e liberi dal servizio, hanno però seguito tutte le mosse dei due malviventi, si sono resi conto di quanto stava succedendo e hanno deciso di attenderli fuori dal punto vendita. Appena li hanno visti uscire hanno intimato l’alt ma i rapinatori si sono scagliati contro i militari, ma per fortuna i fendenti si sono fermati sui giubbotti. Uno dei banditelli comunque è riuscito a fuggire mentre l’altro, un milanese incensurato di di appena 17 anni, è stato arrestato
Uno dei due carabinieri, come detto, è proprio quel Francesco Castronuovo, 28 anni, rimasto ferito in un conflitto a fuoco fra la sua pattuglia e due malfattori che avevano appena messo a segno una rapina, sempre in un supermercato Sma ma quella volta a Cusano Milanino, nella sera del 25 febbraio scorso. Nell’occasione, Castronuovo, carabinieri scelto, venne promosso appuntato.