Ma l’eroina oggi è un buco nella legge

La nostra classe politica è composta da vecchi e circa il problema della droga è ferma agli anni Ottanta: a quando gli eroinomani lasciavano le siringhe nei parchi e un numero imprecisato di giovinastri sinistroidi si faceva canne da mane a sera. È una società che non esiste più, eppure è contro di essa che in Italia si continua a legiferare. La destra si accontenta a posizioni di principio tipo la-droga-fa-male-e-basta, la sinistra ostenta un permissivismo demagogico e senza progetto: il risultato è che c'è un'intera società letteralmente drogata che intanto si muove per casi suoi. Il concetto di droga pesante ormai sfugge, e non perché l’hashish venga ormai equiparato alla cocaina, ma perché la cocaina viene ormai equiparata all’hashish: le soglie di riprovazione sociale e di percezione del pericolo sono al minimo storico. I parlamentari fanno leggi sulla droga ma i magistrati e i poliziotti applicano una legislazione materiale tutta loro: se beccano un banchiere con 8 grammi di cocaina in tasca (l'uso personale sarebbe sotto 1,6 grammi) lo lasciano tranquillamente andare, ed è un fatto che i limiti di legge, a seconda delle zone del Paese, si possono superare anche di cinque volte.
I famosi giovani si fanno di dmx, ghb, ketamina, maoinibitori, pcp, popper, anfetamine, sonniferi, metadone, acidi: roba che i nostri legislatori non hanno mai neppure sentito nominare. Dovrebbe tuttavia essere alla loro portata che l'eroinomane, quello del buco, è praticamente estinto: è un anfratto superato della società, un debole, un disperato, uno che vorrebbe uscirne, mentre se lo lasci in strada è destinato al crimine e alla galera e poi ancora al crimine e alla galera. È per questo che Tony Blair ha ragione: l'eroinomane, nei casi più disperati, va essenzialmente curato, va sottratto al circolo vizioso della criminalità e dell'overdose. Non è più una minaccia deviante alla nostra società: è solo un sottoprodotto residuale, una poveraccio, un emarginato senza più appeal per nessuno. Una società matura ha il dovere di offrir loro un'ultima possibilità.