L’esecutivo più costoso di sempre

Il governo più numeroso degli ultimi quindici anni e più costoso della Repubblica migliora ulteriormente i suoi record. Con i tre sottegretari nominati ieri, l’esecutivo in carica tocca quota 102 poltrone e battendo il settimo governo Andreotti, che nel 1991 contava 101 componenti, si aggiudica il titolo di esecutivo più folto della Repubblica. Il Berlusconi ter contava alla fine 97 componenti fra ministri, ministri junior e sottegretari. Con il Cavaliere a Palazzo Chigi erano infatti nel governo 24 ministri 63 sottosegretari e 9 viceministri. Ora, invece, insieme a Prodi, ci sono 25 ministri, 10 viceministri e 66 sottosegretari. Quanto ai costi, la collettività ha pagato fino a ieri, prima dell’entrata in carica dei tre nuovi sottosegretari, 1,2 milioni al mese per stipendi e indennità di ministri, viceministri e sottosegretari contro un costo annuo del precedente governo pari a meno della metà, 535mila euro. La differenza si spiega anche con il fatto che molti membri dell’attuale governo non sono parlamentari.