L’esercito americano cerca reclute su Second Life

Le forze armate hanno bisogno di uomini e donne, così lo stato maggiore ha deciso di usare i social network per aprire la strada a nuovi arruolamenti

New York – Lo scopo è di allungare le file dell’esercito e per questo i militari americani hanno deciso di usare i mezzi più in voga del momento, i social network, per aprire la strada a nuovi ingressi. Così è arrivato l’annuncio: entro poco più di un mese l’esercito degli Stati Uniti sbarcherà su Second Life, il sito che consente agli utenti di creare una o più vite parallele su Internet. Chissà che qualche “avatar” non decida di diventare un recluta, insomma. Le basi militari consisteranno in due isole virtuali, una delle quali sarà un vero e proprio centro di accoglienza mentre l’altra servirà da campo di addestramento per le reclute cibernetiche. Gli utenti del sito potranno così saltare dagli aeroplani, assaltare finte fortezze ed usare armi militari nella speranza che prima o poi dal gioco passino alla realtà. “Vediamo se possiamo avere qualche beneficio nei reclutamenti da questo social network”, ha detto alla rivista Wired il generale americano William S. Wallace, durante la presentazione della 26sima conferenza di Scienze dell’Esercito. Wallace, che comanda il dipartimento di addestramento dell’esercito, sostiene di non essere un fan di questo tipo di siti ma ha anche ammesso che le possibilità di reclutamento sono molto allettanti. “Ci sono 4 milioni di giovani utenti su Second Life”, ha aggiunto Wallace, «esattamente le persone che cerchiamo di incoraggiare ad entrare nell’esercito».