L’esordio Subito una gaffe: ieri le scuse a Nancy Reagan

Barack Obama ha fatto una prima gaffe, subito riparata. Il presidente eletto ha telefonato alla moglie dell’ex presidente Ronald Reagan, Nancy, 87 anni, per scusarsi di averla presa in giro durante la sua prima conferenza stampa, venerdì. Obama, rispondendo a una domanda, ha detto di essersi «consultato con tutti gli ex presidenti viventi» per prepararsi alla Casa Bianca. Poi ha fatto una pausa, dopo avere pronunciato «viventi». «Non voglio dare l’impressione di un momento alla Nancy Reagan», con sedute spiritiche, ha aggiunto sorridendo. Era stato l’ex capo di gabinetto del presidente Reagan, Donald Regan, a rivelare nelle sue memorie che l’ex first lady aveva l’abitudine di consultare un astrologo per mettere a punto l’agenda del marito. Come ha detto la portavoce del team di transizione, Stephanie Cutter, il democratico si è scusato per «la sua osservazione poco elegante e offensiva», precisando che i due hanno avuto «una conversazione calorosa» durante la quale il presidente «ha espresso ammirazione e affetto» per l’ex first lady.