L’«Estate Musicale Andorese» entra nel vivo

La venticinquesima edizione dell'Estate Musicale Andorese, che il Comune della cittadina organizza con il supporto della Compagnia di San Paolo, della Fondazione De Mari Carisa e della Provincia di Savona, prosegue fino al 30 agosto. È ospitata nella chiesa tardo-romanica dedicata ai SS Giacomo e Filippo, collocata nel borgo medievale di Castello, rimasto praticamente intatto. Il programma scelto per l'edizione di quest'anno è di notevole spessore culturale e spazia dalla lirica alle canzoni popolari, abbracciando, quindi, un vastissimo periodo storico, che parte dal XII secolo e approda al Novecento. Gli esecutori delle musiche sono tutti professionisti di alto livello, che eseguono un repertorio del tutto originale. Nelle serate in cui si esibiranno i «trio» saranno protagoniste le musiche popolari dotte, alcune delle quali eseguite da interpreti molto giovani, ma già noti al grande pubblico internazionale. Gli amati del flauto potranno godere, il 10 agosto, la performance di Maxence Larrieu, uno dei più importanti flautisti contemporanei, personaggio leggendario che ha valorizzato in modo eccezionale la musica ed il repertorio di questo strumento. Una brillante carriera lo ha portato a tenere concerti in tutto il mondo con le migliori orchestre: I Musici, I Solisti Veneti, English Chamber. Ha inciso gran parte della letteratura flautistica. Vincitore di numerosi premi internazionali, il giornale Le Figaro ha scritto di lui: «Il flauto incanterebbe, se non fosse incantato da Larrieu». Il concerto in programma per il 17 agosto presenta, invece, una formazione orchestrale del tutto particolare ed innovativa, la Sextha Consort, che, servendosi di diversi strumenti a corda, offrirà al pubblico musiche scelte tra quelle prodotte nell'arco di quasi cinque secoli. Direttore è il maestro Marcello Serafini. Il «Concerto di Fine Estate, che concluderà la rassegna e il cui intero ricavato sarà devoluto in beneficenza, consiste nelle esecuzioni musicali di due pianisti e del Quartetto di Cremona. Di particolare richiamo sarà l'esibizione di Albina Stulpinaite, una giovane pianista lituana, considerata, nel panorama musicale contemporaneo, una stella nascente.