L’estetista La verità di Monica: «Un normale massaggio»

RomaFino a due giorni fa non sapeva nulla dell’inchiesta sugli appalti per i grandi eventi e sui presunti favori sessuali offerti in cambio di un occhio di riguardo nell’assegnazione delle gare. Niente delle intercettazioni che la tirano in ballo, dei giornali che parlano di lei come la escort che avrebbe intrattenuto Guido Bertolaso al Salaria Sport Village di Roma. Ad informarla del clamore che la vicenda sta suscitando in Italia è stato il suo ex fidanzato, Davide Carta. Voleva delle spiegazioni, dopo aver letto che la sua donna, quando era a Roma, «aveva fatto vedere le stelle» al numero uno della Protezione civile.
È per questo che l’ha chiamata in Brasile, a Rio De Janeiro, dove Monica è tornata lo scorso novembre, in tempi non sospetti. Al telefono la brasiliana è rimasta senza parole. Non riusciva a credere a quanto l’ex compagno le stesse raccontando, perché lei non sapeva di aver massaggiato una persona importante e neppure che quel tale fosse Bertolaso. Ha ribadito di essere soltanto un’estetista e di non aver affatto indossato un bikini in quell’occasione, ma soltanto «un camice bianco». Una storia troppo più grande del suo «semplice lavoro di estetista», questa in cui si è trovata suo malgrado coinvolta.
Monica è una ragazza minuta di 35 anni, con lunghi capelli biondi. Nella capitale ha vissuto per cinque anni e ha sempre fatto l’estetista, anche se l’ex fidanzato l’aveva assunta come colf per permetterle di avere il permesso di soggiorno in Italia. Poi le cose non sono andate per il verso giusto e i due si sono lasciati lo scorso maggio per «incompatibilità caratteriale». «Non so nulla di quanto accaduto - si è confidata con l’ex fidanzato - non sapevo di dover massaggiare una persona importante. Sono estranea a questa vicenda, so solo che un giorno, al Centro Beauty del Salaria Sport Village ho sostituito un’altra estetista, ma si è trattato solo di un massaggio. In quel circolo ho lavorato solo una volta». Era appunto quel giorno del dicembre 2008 in cui gli investigatori intercettarono la sua conversazione telefonica con Regina Profeta, l’organizzatrice brasiliana degli eventi del circolo, durante la quale usò l’espressione «ha visto le stelle». «Era solo un modo per dire che avevo fatto un ottimo massaggio, che ero stata brava. E con l’altra frase finita sui giornali («Non fece niente») mi riferivo al fatto che Bertolaso non era stato maleducato», ha spiegato Monica all’ex fidanzato, assicurandogli che durante l’incontro di cui tanto si parla aveva il solito camice e pantalone bianco: «Non ho indossato alcun bikini».
Quel giorno la brasiliana guadagnò 100 euro. Aveva saputo da alcune amiche del centro estetico dove lavorava che c’era la possibilità di sostituire una collega al Salaria Village. Così aveva incontrato Regina per consegnarle il suo curriculum e accordarsi per la sostituzione. «Mi disse di aver massaggiato due o tre persone - racconta Davide Carta - ma non sapeva che tra queste ci fosse anche Guido Bertolaso. Dal cellulare di un gestore del centro, visto che il suo l’aveva lasciato in macchina, mi ha avvisato che si sarebbe fatta accompagnare a casa da qualcun altro. Tornò intorno alla mezzanotte». «Monica fa l’estetista e la massaggiatrice - racconta il giovane, sollevato dalle spiegazioni ricevute dall’ex fiamma - è una persona per bene e non una escort. Forse tra cinque o sei mesi deciderà di tornare in Italia».