L’Eta verso l’addio alle armi «L’annuncio in settimana»

In attesa che l’Eta annunci il cessate-il-fuoco «definitivo e irreversibile» («La decisione finale è presa e sarà annunciata in settimana», ha detto un responsabile del Partito nazionalista basco (Pnv), che ha chiesto l’anonimato), la conferenza internazionale di San Sebastian ha chiesto al gruppo indipendentista armato basco di dichiarare pubblicamente «la fine definitiva della violenza», secondo il comunicato finale letto dall’ex premier irlandese Bertie Ahern. «Facciamo appello all’Eta a fare una dichiarazione pubblica di rinuncia alla lotta armata e di accettazione del dialogo con i governi spagnolo e francese», ha detto Ahern. «Chiediamo inoltre che siano intrepresi dei passi importanti per permettere la riconciliazione, come il risarcimento e l’assistenza a tutte le vittime», hanno aggiunto i mediatori internazionali alla conferenza, tra cui l’ex segretario generale della Nazioni Unite, Kofi Annan, e il presidente del partito nazionalista nord-irlandese Gerry Adams.
«Crediamo che sia possibile mettere fine oggi a più di 50 anni di violenza ed a pervenire ad una pace giusta e duratura», ha detto Bertie Ahern, leggendo il documento finale. La conferenza, cui hanno preso parte mediatori internazionali e esponenti della vita politica basca, aveva lo scopo di creare le condizioni per la fine della lotta armata dell’Eta. L’Eta ha dichiarato una tregua unilaterale nel gennaio scorso, ma avrebbe già preso «una decisione» sulla fine della violenza.