L’eterno secondo Howell batte Mickelson ai playoff e sbanca il Nissan Open

Lo statunitense piega il celebre connazionale in California e intasca un milione di dollari di prima moneta

Charles Howell III dopo tanto sospirare è tornato finalmente a vincere e a riproporsi come uno dei giovani statunitensi degni di perpetrare le gesta di tanti insigni predecessori. Il ventisettenne georgiano, dopo una brillante carriera dilettantistica, approdò al professionismo alla fine del 2000 e furono in molti a vedere in lui una futura star del tour americano. Nel 2002 Charles vinceva il suo primo torneo, il Michelob e tanto dopo quel successo ci si aspettava da lui. Al contrario, malgrado le indiscutibili doti, nei quattro anni successivi Howell III pur giocando a buoni livelli non è riuscito più a conquistare il gradino più alto e cosa per lui ancor più frustrante ha collezionato ben dieci secondi posti (due dei quali proprio in questo inizio di stagione) vedendosi sempre sfuggire il successo pieno sul filo di lana. Ora il suo incubo è finito con la vittoria al Nissan Open sul percorso del Riviera di Los Angeles che lo vide già perdere questo torneo in play-off, contro Mike Weir, nel 2003. Ha vinto proprio in play-off, stavolta contro un Phil Mickelson che cercava la doppietta dopo il successo della settimana precedente a Pebble Beach.
Su di un percorso da lui prediletto Charles, dopo un’ottima partenza, si è ritrovato distaccato rispettivamente di tre e due colpi da Mickelson e l’irlandese Harrington alla partenza delle ultime 18 buche. Mickelson con due birdie iniziali prendeva subito le redini del torneo in mano mentre Harrington calava di tono ed Ernie Els andava spavaldamente all’attacco del leader. Sembrava dover essere una lotta tra l’americano e il sudafricano, ma Howell sulle ultime 9 buche dava il meglio, approfittava di qualche errore di Els e soprattutto di un bogey finale di Mickelson per pareggiare i conti (16 sotto il par) con il mancino americano e costringerlo allo spareggio. Dopo due buche pareggiate, alla 14 par 3 Mickelson mancava il green e non chiudeva la buca nei colpi regolamentari lasciando così ad Howell III i 930mila dollari della prima moneta ma soprattutto la gioia di una vittoria ritrovata che non può che ridare al giovane georgiano la convinzione delle sue possibilità. Terzo posto per Els insieme all’australiano Allenby e all’ex campione Open degli Stati Uniti Furik mentre al sesto posto è terminato Sergio Garcia.
Sul tour europeo, sempre in trasferta in Estremo Oriente, vittoria per il finlandese - coetaneo di Howell III - Mikko Illonen che si è aggiudicato a Giakarta la terza edizione dell’Open di Indonesia. Illonen, primo finlandese a vincere un torneo del circuito europeo, ha totalizzato un punteggio di 9 colpi sotto il par per le 72 buche, precedendo sul traguardo lo smaliziato ed esperto filippino Frankie Minoza che fino alla quattordicesima buca dell’ultimo giro è stato incollato al giovane professionista nordico prima di incappare in un doppio bogey proprio ad una delle buche più facili del percorso.
Questa settimana il circuito europeo riposa mentre va in scena in Arizona l’Accenture World Match-Play (diretta Sky Sport Extra da mercoledì alle 20.45) con in campo i migliori 64 giocatori del mondo.