L’etilometro all’agente della volante: tra vigili e poliziotti è rissa (sindacale)

Il questore: «Inopportuno» I ghisa: «È il regolamento»

Un poliziotto rimane coinvolto in un incidente d’auto, i vigili urbani lo sottopongono - come da procedura - all’alcol test e scoppia la bufera. «Inaccettabile» attaccano i sindacati della Polizia di Stato, «quelli indignati dovremmo essere noi» rispondono i vigili urbani.
Sabato scorso, via Brenta. Una volante della Polizia di Stato si scontra con un’altra autovettura: sul luogo dell’incidente interviene una pattuglia dei vigili urbani. «Come previsto dalle normative del Comando nei fine settimana», viene richiesto il test che però non si può fare con l’etilometro perché i guidatori di entrambe le macchine sono state portati in ospedale per controlli. «Quindi - continua Roberto Miglio, delegato sindacale Rsu dei vigili urbani - viene loro eseguito l’esame del sangue e delle urine». Tutto secondo le norme dunque, perché «è una prassi che si segue per regola». (...)