L’Eurogruppo: «Tassi adeguati»

I ministri delle Finanze europei contro nuovi interventi della Bce

da Milano

La possibilità di un ulteriore rialzo dei tassi d’interesse, la situazione economica e i conti pubblici di alcuni Paesi di Eurolandia sono al centro della riunione dei ministri economico-finanziari della zona euro a Bruxelles iniziata ieri sera. «Il livello attuale dei tassi è adeguato, e un livello adeguato favorisce la crescita», ha detto l’austriaco Karl-Heinz Grasser, illustrando il programma della presidenza di Vienna davanti all’Europarlamento. Anche se i segnali diffusi dall’Eurotower restano cauti, molti analisti si aspettano un nuovo aumento dei tassi di 25 punti base per marzo, e alcuni ministri dell’Eurogruppo si sono già pronunciati in senso contrario. Grasser comunque ha parlato di «moderata ripresa» e di «fiducia».
«Andiamo a discutere i nostri conti», ha affermato entrando al palazzo del Consiglio Ue, Giulio Tremonti. I ministri sono soliti comunque discutere informalmente tra loro la situazione di bilancio dei Paesi dell’Eurozona durante gli incontri dell’Eurogruppo, anche l’attenzione sarà puntata su Parigi e Berlino. «Credo che ci saranno delle procedure per deficit difficili, i Paesi sono tanti e vogliamo che tutti vengano trattati allo stesso modo», ha affermato Grasser, con un implicito riferimento a Francia e Germania, che dal 2003 godono di una sospensione delle procedure per deficit eccessivo.