«L’Europa non soffre di una crisi di liquidità ma il rischio rimane»

Le turbolenze finanziarie generate dalla crisi dei mutui subprime Usa non hanno provocato finora una crisi del credito nella zona euro, ma il rischio di un peggioramento futuro rimane. Lo ha dichiarato Lorenzo Bini Smaghi, del consiglio esecutivo della Bce, intervenendo a un convegno organizzato dall’ente Cassa di Risparmio di Firenze. Per ridurre gli effetti negativi delle turbolenze, il banchiere europeo ha sollecitato le banche a fare chiarezza su bilanci e strategie e a ridimensionare i propri timori sull’accesso alla liquidità, ricordando l’impegno della Bce a stemperare le tensioni sulla liquidità. «Malgrado le condizioni di offerta più sfavorevoli, la domanda di credito e il credito effettivamente erogato sono rimasti molto dinamici anche nel terzo trimestre del 2007», ha sottolineato Bini Smaghi.