L’ex bancario Carige diventa artista di grido in Thailandia

Cesano sul Neva ha conquistato la Thailandia. Un'incredibile storia che si srotola dai primi anni dell'800 ai giorni nostri unisce il paese arrampicato sulle colline di Alberga al lontano Stato asiatico. Gerolamo Gerini era un ufficiale del Regio esercito nato a Cesano e uscito dai severi banchi dell'accademia di Modena nel 1879. Appena conquistate le stellette di sottotenente Gerini entrò in contatto con alcuni emissari dell'allora regno del Siam e un paio d'anni dopo si trasferì a Bangkok con in tasca una letterara firmata dal re Rama V che lo incaricava di fondare l'accademia militare tailandese. È passato un secolo e un altro Gerini, Luciano, pronipote dell'ufficiale «emigrato» in Asia, ha conquistato la capitale asiatica. Luciano Gerini è un ex alto funzionario della Carige, che una volta andato in pensione ha potuto dedicarsi alla sua vera e grande pensione: la pittura. Le sue opere traggono spunto dalle sensazioni che si nutrono dei riflessi sull'anima della realtà che ci circonda. In questi giorni l'artista cesanese espone le sue opere (non solo dipinti, ma anche fotografie) in una personale ospitata nella Galleria nazionale d'arti applicate della capitale siamese. Ma le opere dell'artista ligure non sono a disposizione soltanto del pubblico di Bangkok, ma sono state in mostra anche a Chiangmai, la seconda città della Thailandia che ospita un'importante comunità europea ed americana grazie alla salubrità del suo clima quasi montano. Le personali di Gerini hanno suscitato l'interesse dei più importanti critici d'arte tailandesi e hanno «conquistato» ampi spazi sui maggiori organi d'informazione a partire dai tg. Le più rappresentative tele di Gerini sono esposte anche in alcune delle più eleganti vetrine del «budello» di Alassio.