L’ex Guardasigilli fa il poeta e Castelli cita un dipinto

da Milano

Se Clemente Mastella cita una poesia di Neruda per ribadire il suo no al governo Prodi, «lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine». Ma è davvero di Neruda? Secondo un blog spagnolo che avrebbe interpellato in merito la Fondazione Pablo Neruda si tratterebbe di una «bufala» che circola in rete da tempo. Ma Mastella non è l’unico che ha cercato di volare alto nel suo intervento a Palazzo Madama. Il capogruppo leghista Roberto Castelli ha richiamato “Le radeau de la Meduse”, la Zattera della Medusa, celebre dipinto del francese Theodore Géricault, che illustra un fatto realmente accaduto: il naufragio, nel 1816, della fregata della marina francese, La Meduse, appunto, incagliatasi in un banco di sabbia al largo delle coste dell’attuale Mauritania, probabilmente a causa dell’inettitudine del comandante De Chaumaray. Dei 139 naufraghi, solo 13 vennero raccolti, 13 giorni dopo, dal battello Argus.