L’ex magistrato militare di Genova: «Ecco la verità giuridica su via Rasella»

La Suprema Corte di Cassazione si è pronunciata ed io non intendo - a scanso di conseguenze risarcitorie - commentarne il verdetto. Ritengo, però, di potermi permettere un dissenso tecnico, critico e - per carità - soggettivo, sul parere di quei supremi giudici, nella triplice qualità di avvocato con oltre mezzo secolo di professione, di alpino combattente, nonché di ufficiale più elevato in grado, in Italia, fra i superstiti ufficiali (diciamo così: «di complemento») della Giustizia Militare, Categoria Magistrati, affermando di non condividere il contenuto di quella sentenza che, per il vero (almeno da quanto ne ho letto sui quotidiani) neppure ho capito.
Nel 1982 si tenne, a Losanna, un congresso della Société de droit penal militaire ed droit de la guerre. Durò una decina di giorni e vi parteciparono magistrati (...)