«L’ex vice-ministro iraniano è negli Usa»

da Gerusalemme

Resta un mistero la scomparsa in Turchia, lo scorso mese, dell'ex viceministro della Difesa iraniano, Ali Reza Asgari, ma Israele ha disposto ieri,i secondo la radio militare, un rafforzamento delle misure di sicurezza attorno alle proprie ambasciate nel mondo nel timore di possibili ritorsioni da parte dei servizi segreti di Teheran. Di Asgari, che fu viceministro durante il mandato del presidente riformatore Mohammad Khatami ed e generale delle Guardie rivoluzionarie, si sono perse le tracce il mese scorso in Turchia. Alcuni organi di stampa arabi hanno scrivono che sarebbe stato rapito dai servizi segreti israeliani, ma lo Stato ebraico ha seccamente smentito.
Secondo l'ex-agente del Mossad Gad Shimron, oggi giornalista del quotidiano Maariv, l'ipotesi più probabile è che l'ex generale iraniano abbia chiesto asilo negli Stati Uniti. Questa è anche la tesi del quotidiano arabo al Sharq al Awsar, citato dall'edizione internet di Haaretz, secondo il quale Asgari avrebbe lasciato la Turchia poco dopo il suo arrivo, diretto negli Usa «con i segreti in suo possesso». Il giornale britannico Daily Telegraph ritiene che l'ex-generale possa essere in possesso di numerose informazioni confidenziali sull'apparato militare iraniano e sul programma nucleare di Teheran.
Teheran teme un intrigo internazionale ai danni di Asgari, 63 anni.L’ex viceministro era giunto a Istanbul proveniente da un viaggio in Siria, dove si era recato «per motivi privati». E in Turchia, dopo una permanenza di tre giorni, è scomparso.