«L’identità di genere favorisce nozze omosex»

Mentre la Finanziaria impazza, alla Camera, nottetempo, la commissione Giustizia vota un emendamento che introduce un concetto nuovo: la punibilità per chi discrimina l’«identità di genere». Lo denuncia l’ex presidente del Senato Marcello Pera che sottolinea come dietro di essa si celi la libertà di sentirsi come si vuole, non necessariamente quindi uomo o donna, come vuole la natura e prescrive l’«identità sessuale». Quella di genere insomma potrebbe ora favorire le unioni omogeneriche che non possono più essere discriminate. E opporsi alle unioni omosessuali diventerebbe un reato.