L’Idv in rivolta contro l’uomo di Tonino

Guerra fra bande nell’Idv. Pochi giorni fa Antonio Di Pietro aveva disposto il commissariamento del partito in Puglia, defenestrando il segretario regionale, Sebastiano De Feudis, e piazzando al suo posto il parlamentare abruzzese Augusto Di Stanislao. Ma l’esordio del neocommissario, che ha subito cambiato la serratura della sede del partito, ha scatenato un putiferio, portando i militanti locali a rifiutarsi d’incontrarlo. E il segretario «licenziato» non le manda certo a dire: «Non abbiamo nulla da dire a chi ha dato disposizioni di cambiare la serratura della sede privandoci del luogo naturale di discussione - sostiene - e non abbiamo nulla da dire a chi ha dato disposizione di licenziare in tronco due impiegate della sede senza nemmeno corrispondere loro la retribuzione dovuta. Non è questa l’Italia dei Valori in cui ci riconosciamo».