L’Ifi torna in nero ma cresce il debito

Anche i conti dell’Ifi tornano in nero. La holding di controllo del gruppo Agnelli, che detiene il 63% dell’Ifil, ha chiuso il primo semestre con un utile consolidato di 387,6 milioni. Rispetto all’analogo periodo del 2004 (perdita consolidata di 52,9 milioni) il risultato presenta un miglioramento di 440,5 milioni, essenzialmente per effetto del progresso dei risultati del gruppo Ifil. La posizione finanziaria netta di Ifi spa evidenzia un saldo negativo per 276,9 milioni, in aumento di 13,1 milioni.