L’impossibile amore di Kledi-Romeo danza nell’Arena

Lontani gli archetipi shakespeariani, cristallizzati nella tradizione ballettistica di Prokofiev, in «Giulietta e Romeo» nella versione di Fabrizio Monteverde, in una coreografia creata nel 1989 per il Balletto di Toscana e che giovedì sera all'Arena del Mare vede protagonista Kledi Kadiu nel ruolo di Romeo.
Il danzatore albanese nato a Tirana nel 1974 e noto in Italia per le sue partecipazioni dal 1996 a Canale 5 prima al «Quizzone», poi a «Buona domenica» e a «C'è posta per te», per arrivare infine come primo ballerino ad «Amici», nel balletto di Monteverde, veste il personaggio di un giovane timido, introverso, solitario, totalmente aperto al desiderio e alla curiosità,vittima consapevole della volitiva irruenza della sua leggendaria compagna.
Lo spettacolo, prodotto dal Balletto di Roma, con la direzione artistica di Cristina Bozzolini e Walter Zappolini, si svolge nell'Italia del secondo dopoguerra, un'Italia disperatamente assetata di passioni ritempranti dagli orrori del passato. Il muro decrepito della scenografia, accumulo di macerie, è uno sfondo che segna come il conflitto bellico abbia cercato di annientare le energie e le emozioni, questo però non è riuscito a togliere la voglia di rinascere a passioni assolute da assaporare fino all'ultimo respiro. Giulietta, infatti, è il simbolo di un irresistibile desiderio di fuggire alle regole imposte da una famiglia opprimente ed ossessiva che manifesta la voglia di autonomia e di riscatto con un amore «impossibile». Romeo si lascia catturare e compiacente cede ad un ruolo che lo porta alla perdizione. Abile il coreografo che non si rifà alle versioni storiche di Cranko, Mac Millan e Nureyev, ma mette a fuoco con una ispirazione «rabbiosa» nei sentimenti gli aspetti più consoni all'umore dei caratteri dei personaggi, in cui si riscontrano riferimenti al cinema neorealista di Rossellini. Coreografia nervosa, scattante, senza fronzoli, nella quale le forze espressive della formazione modern si fondono in un legato continuo agli spunti e alle linee della danza neoclassica. Lo spettacolo che parte con la sua tournèe estiva proprio da Genova,arriverà fino a Messina. Accanto a Kledi ci saranno le giovani danzatrici Noemi Arcangeli e Azzurra Schena che si alternano il ruolo di Giulietta.