L’inchiesta L’accusa regge al vaglio del Gip Revocata l’interdizione per uno dei medici

Sul sistema di potere politico legato alla gestione della sanità in Puglia il Gip non ha dubbi. Ma c’è qualcosa da rivedere sulle responsabilità dei singoli professionisti coinvolti nel blitz che giovedì scorso ha portato all’arresto di sei persone e alla richiesta d’arresto per il senatore Alberto Tedesco. Due giorni fa il Gip Giuseppe De Benedictis aveva revocato gli arresti domiciliari all’ex direttore generale dell’Asl di Lecce, Guido Scoditti. E ieri ha disposto lo stop all’interdizione dalla professione per Antonio Acquaviva, oculista. Il giudice, dopo l’interrogatorio del professionista, ritiene «che si sia introdotto un pesante dubbio sulla ricostruzione accusatoria dei fatti». Lo stesso Gip ha invece rigettato la richiesta di revoca dell’interdizione dalla professione per un altro dei dirigenti sanitari coinvolti, il direttore sanitario della Asl di Bari, Alessandro Calasso.