L’incubo della pedofilia su Facebook

Facebook? Comunità aperta e divertente, ma pericolosa come tutto Internet. L’allarme viene da Gabriella Carlucci (nella foto), deputata Pdl e vicepresidente della commissione bicamerale per l’infanzia. «Sempre più spesso i pedofili sfruttano la rete e l’anonimato per i loro loschi traffici. Ora è urgente una campagna che informi i nostri figli sui rischi spesso occulti che viaggiano sul web e su Facebook. Ma altrettanto importante è l’approvazione di una legge in tempi rapidi che istituisca lo specifico reato di adescamento telematico». I ragazzi insomma sono avvisati: navigare è bello e anche facile, ma occorre non abbassare la guardia.