L’incubo Ragazza aggredita come ai tempi del «maniaco»

Torna a Genova l’incubo del maniaco dell’ascensore. Si teme soprattutto possa trattarsi di un tentativo di emulare il giovane che alcuni anni fa terrorizzò le donne rendendosi protagonista di diversi «agguati» nei portoni e all’interno degli ascensori condominiale fino al momento dell’arresto da parte della polizia. E un episodio avvenuto venerdì sera a Molassana sembra voler far rivivere quei periodi di angoscia. Una studentessa di 18 di Genova ha infatti denunciato un’aggressione a sfondo sessuale di cui è rimasta vittima mentre rientrava a casa nel quartiere di Molassana. La ragazza ha spiegato ai carabinieri, che stanno indagando per risalire all’aggressore, di essere stata seguita da uno sconosciuto mentre saliva le scale esterne della propria abitazione. L’uomo l’ha raggiunta e l’ha toccata nelle parti intime ma lei ha reagito prontamente mettendosi anche a urlare e l’aggressore è fuggito. Il modus operandi del maniaco ricorda molto da vicino proprio quello del giovane poi arrestato.