L’indiana Tata entra nel capitale di Piaggio Aero

da Milano

Gli indiani di Tata sbarcano nel capitale di Piaggio Aero Industries, la società aeronautica ligure. Attraverso il braccio britannico Tata Limited, il gruppo indiano ha acquisito un terzo del capitale di Piaggio, acquistando azioni di vecchia e nuova emissione. Il valore dell'investimento non è stato divulgato. Piaggio aveva realizzato un’operazione simile nel 2006, quando la finanziaria degli Emirati Arabi Mubadala aveva acquistato circa il 35% della società, con le famiglie Di Mase e Ferrari che si erano attestate al 55%, e azionisti minori al 10%. Evidentemente sono Di Mase e Ferrari ad aver fatto spazio al nuovo azionista. Oggi infatti il capitale di Piaggio è ripartito tra tre azionisti paritetici. Ciascuno ha diritto di nominare tre dei nove membri che costituiscono il board ed uno dei tre membri del comitato esecutivo. Gli accordi di governance garantiscono però che management e gestione rimangono italiani.
L’ingresso di Tata è ufficialmente finalizzato a consentire la crescita di Piaggio in India, ma è anche probabile sia connessa al progetto di lanciare lo sviluppo di un nuovo business jet, una iniziativa da 1 miliardo di dollari. Piaggio ha chiuso il 2007 con un fatturato di 179 milioni e prevede di arrivare a 227 milioni nel 2009, grazie all'incremento della produzione del suo P-180.