L’influenza blocca Tiger Sabbatini a Los Angeles non perde l’occasione

Il sudafricano conquista il Nissan e quasi un milione di dollari. Ottima prova di F. Molinari in Malesia (8°)

Mario Camicia

Settimana poco fortunata per il tour europeo che in questo inizio di stagione cerca lidi climaticamente favorevoli. Il Malaysian Open, svoltosi sul percorso del Kuala Lumpur Golf Club, è stato infatti sospeso per ben due volte causa pioggia e alla fine titolo e prima moneta di 175mila euro sono stati assegnati sulla distanza delle 54 buche. Il giovane coreano Charlie Wi, ventiquattrenne residente ormai in California e impegnato sul tour statunitense, ha colto il successo privando il thailandese Tonghai Jaidee di un jackpot che gli avrebbe permesso di vincere l’Open della Malesia per il terzo anno consecutivo. Charlie Wi con un birdie finale proprio alla 54esima buca è riuscito a rimontare i tre colpi di svantaggio che lo separavano all’inizio di giornata dall’altro thailandese Sirot leader dopo le prime 36 buche e ad arrivare al traguardo con un colpo di vantaggio su Jaidee che mancava il birdie di un soffio all’ultima buca per costringere il giovane avversario allo spareggio.
Ancora una grande prova del nostro Francesco Molinari che è sempre stato nelle posizioni di testa e che, malgrado un colpo di penalità nell’ultimo giro, è terminato all’ottavo posto insieme allo svedese Eliasson, all’inglese Storm e al gallese Park. Con questo terzo «top ten» in sei tornei giocati Molinari, che in Malesia ha incassato una moneta di oltre 22mila euro, è salito al ventinovesimo posto nell’ordine di merito europeo e senza quel colpo di penalità la sua attuale posizione poteva essere tra i primi 25. Bene anche Emanuele Canonica, giunto 37° rientrando così tra i primi cinquanta dell’ordine di merito.
Negli Stati Uniti bel tempo al Riviera Country Club di Los Angeles per il Nissan Open. A far vittime illustri è stata, invece, l’influenza che ha costretto al ritiro dopo due giri Tiger Woods, star scontata del torneo e con già due vittorie al suo attivo quest’anno nei primi due tornei giocati.
Sul mitico percorso, tra i prediletti delle star hollywoodiane, ha vinto il sudafricano Rory Sabbatini che si è aggiudicato 918mila dollari dei 5 milioni e 100mila dollari del montepremi. Il ventinovenne sudafricano si è lasciato prendere dal nervosismo sulle ultime buche permettendo a Fred Couples - 46 anni, due volte vincitore al Riviera - di affiancarlo a quattro buche dal termine. Poi i ruoli si sono invertiti e grazie ad un birdie di Sabbatini alla 16 e a tre malaugurati bogey di Couples nelle ultime cinque buche, il campione sudafricano è andato a cogliere il suo quarto successo sul tour americano precedendo di un colpo il campione uscente, l’australiano Adam Scott e di due lunghezze il trentatreenne del Nevada Craig Barlow già quinto la settimana scorsa a Pebble Beach dove lo stesso Sabbatini era giunto secondo. Per Fred Couples, sostenutissimo dal pubblico locale, soltanto un quarto posto.