L’Inghilterra apre il primo supercasinò in stile Las Vegas

Tra grosse polemiche e a dispetto degli anatemi delle chiese arrivano in Gran Bretagna i fantasmagorici supercasinò in stile Las Vegas: il primo, vasto come un campo di calcio e con 1.250 rutilanti slot machine, aprirà presto i battenti in una zona povera e derelitta di Manchester. Quasi tutte le città del Regno Unito, da Londra a Glasgow, da Blackpool a Cardiff, hanno sgomitato per l'onore del supercasinò e una commissione consultiva (Casino Advisory Panel) ha scelto Manchester in una rosa di otto finaliste. «È un'area bisognosa di rigenerazione. Il supercasinò è destinato a creare parecchia occupazione». Secondo le stime della commissione quella mecca del gioco da costruire su una superficie di cinquemila metri quadrati darà direttamente o indirettamente un impiego a circa 2.700 persone. In effetti la seconda città di Gran Bretagna, da decenni alle prese con grossi problemi di povertà, emarginazione sociale e criminalità, non era tra le favorite per il supercasinò a differenza di Blackpool e di Londra. La capitale britannica sperava di trovare una funzione per il Millennium Dome, una gigantesca struttura creata per le celebrazioni del 2000, ma è stata scartata perchè già beneficerà alla grande delle Olimpiadi 2012.