L’Inghilterra finanzia la difesa del territorio

La campagna britannica sta per vivere un cambiamento senza precedenti nei tempi moderni, grazie a un programma che compenserà gli agricoltori per migliorare l’ambiente invece che per produrre alimenti. «Questo programma cambierà le campagne», ha affermato Richard Pywell del Centro per l’ecologia e l’idrologia (Ceh) nel Cambridgeshire. «Per generazioni, la vita selvatica nelle campagne si è sempre più impoverita e la biodiversità è andata scemando. Ora tutto questo potrebbe presto finire e le campagne potrebbero lentamente ridiventare più ricche e più diverse».
In base a una nuova normativa, gli agricoltori riceveranno il 20% in meno di aiuti per la produzione e saranno in grado di recuperarli solo introducendo misure che contribuiscano a riportare uccelli, insetti e piante rare. Lo schema prevede che l’agricoltore debba ricreare una serie di habitat per cercare di riportare nelle campagne la flora e la fauna di un tempo. Queste idee hanno ricevuto un ampio sostegno dagli ecologisti e sono state accolte con cauto favore anche dagli agricoltori. «Sono abbastanza entusiasta - ha dichiarato Peter Kendall, vicepresidente del sindacato degli agricoltori britannici -. Gli agricoltori sono i custodi delle campagne e molti di loro hanno portato avanti progetti come questo senza essere compensati. Ora avranno qualche soldo per aver aiutato le campagne». Si prevede che tre quarti degli agricoltori britannici aderiranno al progetto nei prossimi anni.