L’insostenibile leggerezza del corpo contemporaneo

«Aprirà le danze», è il caso di dirlo, questa sera il gruppo Arteballetto, con una selezione delle più significative creazioni dei due coreografi Mauro Bigonzetti e Valerio Longo. Si tratta della XIV Edizione di Addanza, il festival internazionale di ballerini e ballerine promosso dalla Provincia, Regione e ministero per i Beni Culturali: si svolge a Trezzo sull’Adda, all’interno della spettacolare e imponente centrale idroelettrica Taccani, messa a disposizione da Enel (via Bernabò Visconti 14), che conferisce all’ambientazione un carattere un’impronta esclusiva, e vede la partecipazione di compagnie italiane e non. Nove appuntamenti e sette gruppi si alterneranno per tutta la durata del Festival, per proporre balletti di classica, di tango e spettacoli ispirati alle storie per bambini. A seguire, domenica 24 maggio, lo scenografo, interprete e ballerino «tuttofare» Mauro de Candia, che porterà il suo «Black Garden», una creazione astratta, senza precisi riferimenti al quotidiano, che semmai vuole esplorare le diverse sfaccettature della mente umana. Da segnalare i numerosi ospiti provenienti da tutto il mondo, come Alonzo King, il coreografo afroamericano che sarà al festival in due serate, il 30 con «Irregular Pearl» e «Rasa», e domenica 31 con i due lavori che hanno appena debuttato a San Francisco, ovvero «Sings&Wonders» e «Dust&Light», entrambi in prima europea. Anche gli italiani, ovviamente, saranno protagonisti eccellenti del Festival. Come gli allievi della Mas Dance Lab, in prima nazionale il 3 giugno con tre spettacoli con coreografie di Kinkaleri («Tono»), Matteo Levaggi («Immemory») e di Michela Lucenti («Mutuo Soccorso»). O come Luciano Padovani, allievo della scuola della Carson: in esclusiva per Adda Danza porterà la sua interpretazione del tango, nello spettacolo, appunto, «Alma de Tango», il 26 maggio. Concluderà il Festival la compagnia del Balletto di Roma, il 6 e 7 giugno: sabato con un’originale gara di ballo incentrata sui ritmi del Bolero («Bolero, serata d’autore», che vede la sucessione di tre spettacoli: «Bolero», «Hora Zero» e «Libera Risonanza»). «E’ complicato, solitamente, coinvolgere un alto numero di pubblico con la danza - dice Angelo Cappellini della Provincia di Milano - eppure questo Festival, ormai alla sua XIV edizione, riesce ormai ad attirare sempre più persone. Basti pensare che quest’anno, viste le adesioni raccolte in passato sempre crescenti, abbiamo aumentato i posti a sedere in platea, ed è stato organizzato un servizio navetta gratuito per Trezzo d’Adda che partirà dalla sede della Provincia in corso Monforte» (inizio spettacoli: ore 21.30. Prezzi: intero, 15 euro; ridotto, 13 euro; Cardanza, 5 ingressi, 60 euro. Info: www.addadanza.org, prevendite e prenotazioni: Teatro dell’Elfo, via Ciro Menotti 11, 02-716791).