L’Inter di Benitez è una noia aggrappata a Sneijder ed Eto’o

Problemi? Figuratevi! (Ma solo fino alla prossima puntata) Da quattro stagioni l’Inter parte con un pareggio. Perché mai dannarsi se stavolta ha variato nei particolari minimi? Le altre volte segnava un gol. Stavolta zero. Però Bologna la dotta ti dice: attenzione alle apparenze. Ingannano. Non siamo ancora al «Cercasi Inter disperatamente», però squilla il campanellino. Inter più spigliata nella ripresa quando il Bologna ha mollato brutalmente dal punto di vista fisico. Eppoi un Bologna bistrattato dagli eccessi dei suoi dirigenti, dal cambio di tecnico, insomma con tante buone scuse.
Inter terribilmente tormentata nel primo tempo. Monday night di serie A con un bel pubblico ed una brutta resa sul campo. Da ricordare i 6 minuti di recupero, quasi da record, oltre alle punizioni violente e precise di Sneijder, la traversa colpita da Eto’o, con l’aggiunta della buona stella e del testolone (deviante) di Viviano. Poi sono state quisquiglie. Il Bologna può essere contento. L’Inter rasserenata solo da una ripresa più consistente. Ma sono troppi i dubbi. Che ne è di Milito? Pandev? Quando si sveglierà il centrocampo? Inter dove sei? Forse nemmeno nella testa di Benitez. Non questa.