L’Inter mette la freccia su Tevez. Che farà l’Apache?

Piuttosto lo sceicco lo mantiene un’altra stagione ma al Milan non lo dà. È questa la novità sul caso-Tevez. Il City è irritato dall’atteggiamento del giocatore e del suo procuratore che lo hanno scavalcato parlando direttamente con la società rossonera, la foto che ritrae Joorabchian e Tevez a cena con Galliani a Rio de Janeiro ha fatto il resto. Il City intende rifiutare l’offerta del Milan e adesso a Manchester attendono solo la proposta scritta di Moratti, un prestito con obbligo di riscatto ad almeno 25 milioni in rate da stabilire e in linea con il rispetto del fair play finanziario che la società si è imposta.
Nei primissimi giorni di questa settimana Branca prende nuovamente l’aereo e formalizza l’offerta, con Jorobchian il rapporto è buono, con Tevez si era incontrato già l’estate scorsa in Sardegna. E poi c’è un’altra importante novità sul comitato di accoglienza che attende Carlitos ad Appiano. Il gruppo argentino ha contatti diretti con l’Apache al di la delle dichiarazioni di facciata di Walter Samuel al termine di Inter-Parma: «Tevez? Non è vero che noi stiamo spingendo verso il suo acquisto. Queste sono decisioni del presidente». Si parla di una telefonata fatta proprio sabato sera da Zanetti e Cambiasso (dal ristorante del capitano) in Argentina a Carlitos con tanto di battute e promesse: «Ti aspettiamo». All’Inter ora serve solo convincere Carlitos che ha speso più di una parola con Galliani. Ma Branca sbarca in Inghilterra con un solo obiettivo: portarlo a casa. Se prende Carlitos l’Inter effettua un sorpasso che passerà alla storia dei due club, questa è la vera incognita perché nessuno immagina Galliani piegato e sconfitto. L’Ad rossonero non ha ancora perso la mano e ha diverse possibilità per riaprire lo scenario, dalla cessione di Pato al rilancio sull’offerta al City. Senza dimenticare i diversi umori dello spogliatoio. Ibra non adora Pato ma ancor meno Tevez, e quanto conti lo svedese è inutile ricordarlo, anche ieri ha praticamente battuto l’Atalanta da solo facendo compiere un gran balzo al Milan in vista del derby di domenica sera: «Se arriva Tevez? - gli hanno chiesto nel dopo gara a Bergamo -. Bè, se arriva facciamo segnare anche lui!». Più concreto Allegri: «Tevez? E a chi non servirebbe, è un campione». Lo stesso Adriano Galliani non ha voluto rispondere alla domanda sull’argentino, ha sfoderato un sorrisone e se n’è andato. Ora può solo sperare nella volontà di Carlitos, ma è difficile che rifiuti l’Inter come fece con il Psg.