L’interista Cambiasso dalla panchina al gol

6 ABBONDANZIERI Spettatore non pagante.

6 BURDISSO Fa il terzinaccio che bada solo al sodo. Ma non c’è nemmeno avversario degno che lo faccia sudare.
6 HEINZE Solo Milosevic gli fa interrompere la pennichella.
6 AYALA Nemmeno un’entrata da killer. Così morbido da non sembrare vero.
6 SORIN Sgambetta sulla sinistra, prova qualche incursione a ritmo da allenamento leggero.
7,5 RODRIGUEZ Due gol e un gran correre: tessitore, rifinitore, realizzatore. Offre la miglior combinazione di calcio moderno ed efficace.
dal 29’ st 7 MESSI Pibe sì, ma pure lui de oro. Gioca poco più di un quarto d’ora: regala un assist, segna un gol, brucia gli avversari sullo scatto e dice: devo proprio stare in panchina?
6,5 MASCHERANO Ogni tanto rischia di pestarsi i piedi con Cambiasso. È abituato a prendere possesso del centrocampo e non mollarlo. Idea che nell’Argentina piace a tanti.
s.v. GONZALEZ Doveva essere la sua giornata. Si fa male subito. dal 17’ pt 7,5 CAMBIASSO. Ritrova il bello della vita calcistica: dalla panca al gol è tutt’uno. Diabolico sinistro, eppoi non si ferma più. Corre tanto e bene in mezzo al campo per dimostrare che serve. Eccome.
6,5 RIQUELME Gioca con presunzione della primadonna: tocca tanti palloni, quasi nessuno decisivo. Gli altri corrono e lui fa rotear il cappello.
7 SAVIOLA Svaria da una parte all’altra del campo con belle intuizioni. Ideale per mandare in confusione gli avversari. Sembra un folletto, invece è un genietto.
dal 13’ st 7 TEVEZ Puma che ti graffia subito. Calibra il piede e ne cava il meglio tra gol e assist.
7 CRESPO Il tacco-assist per Cambiasso vale la sua partita. Il resto, gol compreso, è nella la carta d’identità calcistica.
all: 7 PEKERMAN Bella squadra, in attacco vale il Brasile.