L’interrogazione postuma di Forcieri

(...) di quella nuova il 28 aprile, succede che nei nuovi resoconti parlamentari di Palazzo Madama spuntino interrogazioni del diessino Aleandro Longhi. Piccolo particolare: Longhi, nel frattempo, non è più senatore. È diventato deputato.
Ma c’è un altro diessino ligure che ha fatto meglio. Ed è l’ex senatore spezzino Lorenzo Forcieri, per ora fuori dal Parlamento. Ma nel frattempo l’aula di Palazzo Madama ha fatto rivivere postuma, come nuova, proprio l’altro giorno, una sua interrogazione al ministro dell’Interno in cui chiede «quali siano i motivi che hanno portato alla decisione, grave e incomprensibile, di rinviare per ragioni di ordine pubblico la partita Spezia-Genoa» e «se il ministro in indirizzo non ritenga di dover intervenire urgentemente sulla Prefettura di La Spezia affinchè riveda la decisione assunta e consenta che la partita si giochi regolarmente, avendo altresì cura di mettere in atto tutte le misure idonee a garantire l’ordinato svolgimento dell’evento sportivo, la sicurezza e l’incolumità delle persone». Nel testo della sua lunga interrogazione a Pisanu, Forcieri è a tratti quasi lirico: «Avrebbe potuto essere una bella giornata di sport».
Piccolo particolare, che però la dice lunga sui tempi parlamentari: l’annuncio della presentazione dell’interrogazione del senatore spezzino arriva a problema già risolto, partita già giocata regolarmente alla Spezia, vinta dallo Spezia e addirittura promozione degli Aquilotti già acquisita. Quindi, l’attacco cartaceo di Forcieri non è servito a nulla. Non per niente vogliono metterlo in Difesa. Sottosegretario.