L’INTERVENTO

Le iniziative politiche di Veltroni e di Berlusconi, speculari e parallele, hanno indubbiamente rimesso in moto un quadro politico stagnante, anzi cristallizzato e congelato intorno «al mestiere delle armi», intorno alla mistica di un bipolarismo di guerra, fatto dalla contrapposizione di due coalizioni vastissime, ma impotenti a governare.
Appena però si sono concretizzate timide forme di confronto intorno alle regole generali, subito la voglia di normalità democratica è stata demonizzata ed esorcizzata come «inciucio» eticamente riprovevole; appena in qualche modo ha preso forma una fragile prospettiva di superamento di questa interminabile transizione, subito si sono moltiplicati i sospetti, gli sdegni moralistici, i giacobinismi viscerali; si sono messi in moto i fautori delle trame oscure, dei colpi di mano, del giustizialismo militante.
Ma, nonostante le difficoltà, le resistenze aspre, le trame ostili e immobilizzanti, solo un nuovo spirito costituente che fondi un nuovo sistema bipolare basato sulla normalità e su due grandi partiti alternativi per il programma e per la collocazione europea, ci può tirare fuori dalla crisi.
Quindi la via strategica imboccata è quella giusta: bisogna resistere alle trame oscure e rendere irreversibile il processo di pace e di normalità tra i partiti.
Il contributo più serio che l’area politica dei moderati può dare a questo processo non è il Partito unico del centrodestra, perché non serve una sommatoria emotiva di ambiguità.
La via maestra è quella del Partito del popolo della libertà come manifestazione italiana del Ppe, alleato con la Lega e con altre forze moderate, che non si riconoscono nel Ppe. Qui noi troviamo la nostra identità valoriale (sussidiarietà, solidarietà, responsabilità, sacralità della vita e della persona, modernizzazione e liberalizzazioni, economia sociale di mercato); qui noi troviamo le nostre coordinate internazionali (l’Europa dei popoli, la solidarietà transatlantica, la lotta al terrorismo); qui noi troviamo gli antidoti ai rischi di isolamento, di populismo, di provincialismo; qui noi troviamo le ragioni per rilanciare un sistema solidale di alleanze; qui noi troviamo la cultura e la tradizione politica per un confronto istituzionale che ridia normalità al sistema politico, verso la fuoriuscita da questa interminabile transizione; qui noi troviamo la grande tradizione ed i grandi progetti per ridare all’anima profonda dell’Italia una speranza alacre verso il futuro. In questo nostro grande disegno trovano spazio vitale ed armonia le aspirazioni dei nostri alleati tradizionali.
*membro dell'Ufficio politico del Ppe