L’INTERVISTA RAZ DEGAN

Raz Degan, lei da anni pratica lo yoga hatha. Ma oggi ne esistono varianti assai curiose: talvolta è mescolato persino con musica dance e boxe...
«Be’, per capire come mai dobbiamo guardare alle origini dello yoga, che si basa su tradizioni antichissime, sviluppatesi in Oriente più di 5000 anni fa. È normale che il passaggio dal mondo orientale a quello occidentale l'abbia trasformato».
Ed è un male?
«Non la metterei in questi termini. La società occidentale ha un ritmo diverso e una diversa consapevolezza del corpo rispetto alla società orientale. Lo yoga si è trasformato in base ai bisogni dell'Occidente, seguendo le dinamiche della nostra vita qui».
Non condivide la necessità di preservare la tradizione?
«Semplicemente, non credo sia importante giudicare se una tipologia di yoga sia migliore di un'altra. Io vedo in tutte solo positività perché aiutano a mettersi in contatto con la propria anima. Grazie allo yoga aumenta la consapevolezza di se stessi e del mondo. La società stia cambiando: oggi l'individuo ha bisogno di spiritualità, non gli è più sufficiente una dimensione puramente materiale».