L’iPhone e i suoi fratelli: il meglio dei cellulari con schermo sensibile

Il prodotto della Apple pur essendo costoso resta il concorrente da battere per Nokia, Samsung e Lg

Fino a due anni fa, parlare di cellulari touch screen rappresentava una novità per molti. Certo, c’era l'iPhone che iniziava a mietere successi, però la stragrande maggioranza dei dispositivi mobili disponili sul mercato erano di tipo tradizionale, con la tastiera «fisica». Ora la situazione è decisamente cambiata, il mercato è stato invaso da cellulari touch screen di ogni tipo. Il problema è districarsi tra le numerose offerte presenti. Vale la pena di iniziare proprio dall’iPhone, il 3Gs, ovvero il modello di punta. L’unica sua debolezza strutturale è rappresentata dalle fotocamera integrata da soli 3 megapixel, piuttosto al di sotto di quelle offerte della concorrenza. Per il resto ha davvero tutto quello che si possa desiderare: un display da 3,5 pollici, connettività Hsdpa che consente di collegarsi fino a 7,2 Mb per secondo in download e una memoria fissa, a seconda del modello, che varia da 16 o da 32 Gb. L’altra cosa da considerare attentamente è la tecnologia del display che sfrutta il flusso di elettroni. In parole povere il display ha una risposta più immediata al tocco dell’utente. Il costo dei due modelli disponibili è di 599 e 699 euro. Non proprio regalati. Il grande antagonista dell’iPhone è il Nokia N97. Un telefono che non ha punti di debolezza strutturali. Ha uno schermo da 3.5 pollici davvero molto bello come risoluzione, tastiera estesa Qwerty con meccanismo slide che consente di nasconderla dietro il display, un’ottica Carl Zeiss e la fotocamera da 5 megapixel. Il sistema operativo, Symbian, è probabilmente il più affidabile sul mercato. La capacità di memoria è di 32Gb che però si può ampliare con schede Sd. Il display touch screen è però in questo caso basato su resistenza elettrica, più preciso ma meno immediato di quello dell’iPhone. Una delle conseguenze è che gli utenti abituati ad utilizzare l’iPhone all’inizio si troveranno costretti a premere lo schermo con più decisione di quanto non facciano col cellulare di Apple. Il prezzo è di 599 euro. Alto, ma non esagerato in funzione delle caratteristiche tecniche. Tra i due litiganti c’è sempre un terzo che cerca di approfittarne. In questo caso ce n’è più d’uno, però tra questi Lg inTouch mette in campo un elemento di assoluto vantaggio rispetto ai concorrenti, il prezzo: solo 199 euro. Evidentemente un costo così basso comporta delle rinunce. L’Lg inTouch non può competere in quasi nessuna categoria con Nokia N97 e iPhone, ma il suo rapporto tra qualità e prezzo è tra i più interessanti, forse il migliore in assoluto. Ha una tastiera estesa nascosta da un meccanismo slide che fa scorrere un display touch screen di discrete dimensioni: 2,8 pollici in diagonale. La connettività Hsdpa è da 7.2Mbps. Ha una fotocamera integrata da 3 megapixel per scattare foto e girare filmati, da gestire attraverso la memoria fissa del terminale (40 MB) o su schede MicroSD fino a 8Gb. Non è ancora disponibile sul mercato, ma lo sarà a novembre, l’Htc HD2. È uno dei Windows phone reclamizzati da Microsoft, con sistema operativo Windows mobile 6.5. Dalla sua ha uno dei display più ampi del mercato: un touch screen simile come risposta a quello dell’iPhone da ben 4.3 pollici. Anche le altre caratteristiche tecniche sono di alto livello, come la fotocamera integrata da 5 megapixel e il processore Snapdragon da 1 Ghz. Non è ancora stato comunicato il prezzo che però dovrebbe attestarsi sui 599 euro. La schiera di cellulari touch screen è evidentemente molto ampia, e i prodotti degni di menzione sono diversi, tra questi, però, uno dei più interessanti è il Samsung Jet S8000 che si propone, insieme all' i8000 di prossima uscita, come il possibile successore di uno dei telefoni più riusciti degli ultimi tempi, ovvero il Samsung Omnia i900 (peraltro ancora in listino). Il display è di tipo Amolead da 3.1 pollici. Ha un processore da 800MHz, fotocamera da 5 megapixel e memoria fissa da 2GB espandibile. Non può compere con i telefoni di fascia «altissima», però ha dalla sua un prezzo decisamente più abbordabile, intorno ai 350 euro, che lo rende un’ottima soluzione intermedia tra l’Lg e l’iPhone.