L’ira della Parietti: «Merito la giuria»

«Francamente non capisco cosa vadano cercando certi critici musicali, tra i più blasonati, attaccando la mia ed altre presenze nella cosiddetta Giuria di Qualità del Festival di Sanremo. Con argomentazioni che rasentano l'offesa. Si rilassino». Alba Parietti si dice «indignata» da quanto letto circa la giuria di qualità composta da lei, Serena Autieri, Antonio Caprarica, Giancarlo Magalli, Alessandro D'Alatri, Massimo Ghini, Maurizio De Angelis, Barbara Palombelli e Claudio Coccoluto. «Tra l'altro - aggiunge la conduttrice - gli appunti più velenosi sono quasi sempre riferiti a me. Non ho capito di cosa dovrei giustificarmi? Ho presentato 3 dopofestival, un festival di Sanremo, 7 anni di Vota la voce e ho fatto per oltre 5 anni la dj nelle radio private».