L’irresponsabile lasciapassare di Amato

Amato ha inviato una circolare urgentissima a prefetti, questori e polizia di frontiera per applicare una legge del maggio 2007 - che entrerà in vigore a breve - che elimina l’obbligo del permesso di soggiorno per visite di turismo o studio di durata inferiore ai 90 giorni. Dunque, grazie al ministro degli Interni, d’ora in poi qualunque straniero che autorcertificherà di trovarsi nel nostro Paese per motivi di studio o di turismo, potrà restarvi e girare indisturbato per almeno tre mesi. Se approvata, questa sciagurata proposta non otterrà altro risultato che far aumentare il numero di clandestini. Non è difficile infatti immaginare che la stragrande maggioranza degli extracomunitari che adotteranno tale escamotage per restare in Italia, allo scadere dei novanta giorni si darà alla clandestinità e per sbarcare il lunario o finirà ad ingrossare le file della malavita o chiederà aiuto ai nostri già deficitari servizi sociali. Mi sembra davvero un provvedimento irresponsabile.