L’Islam moderato è una chimera

Non si può fare a meno di essere pessimisti di fronte agli eventi di Perugia, che purtroppo non sono isolati, ma rappresentano il clou di una lunga serie facente capo a dei terroristi islamici. I seminatori di zizzania non sono una novità, ma questi superano di gran lunga i precedenti storici. Stanno approfittando della nostra ospitalità e della nostra buona fede. I reati dovranno essere confermati, ma quel poco che si sa sarebbe sufficiente per una espulsione permanente (dalla Ue, non solo dall’Italia) e senza appello. Sono sicuro che questi figuri troveranno chi li considererà «resistenti per la libertà», ma mi auguro che ogni tanto qualcuno rilegga gli scritti della Fallaci e ascolti gli avvertimenti di Magdi Allam. La questione è che non si sa con chi dialogare: dubito che sia possibile con Ahmadinejad e simili fondamentalisti e comincio a pensare che i musulmani moderati siano solo una chimera. Una cosa è certa: l’Islam è unito quando si scatena contro gli «infedeli» e l’Occidente. Nel mondo islamico l’estremismo sta prevalendo su tutte le altre correnti di pensiero. Purtroppo le notizie relative alla Turchia non fanno ben sperare nemmeno in quel caso.