L’Italia di Elena vince il Bancarella

Il libro da non perdere? Lo ha scritto Elena Kostioukovitch: Perché agli italiani piace parlare di cibo (Sperling & Kupfer), volume che ha vinto il secondo Bancarella della Cucina. No ricettari no pagine banali, libri che tendono all’alto, alla letteratura enogastronomica. Ha superato Sinfonia Gastronomica - musica, eros e cucina di Roberto Iovino e Ileana Mattion (Viennepierre Edizioni), Il Profumo delle tavole di Ulderico Bernardi (Editrice Santi Quaranta), Non è vero che tutto fa brodo di La Ditta, tre amiche milanesi e anche tre socie nel campo della comunicazione (Guido Tommasi), e La pasta è servita di Leila Mancuso Sorrentino (Intra Moenia). La Kostioukovitch, docente all'Università degli Studi di Milano e traduttrice in russo di Umberto Eco, compie un viaggio eno-gastronomico per raccontare l'Italia dal punto di vista di un'autrice straniera, brava a capire che noi italiani mangiamo due volte: con la bocca e con le parole, godendo con entrambe.