L’Italia di Lapo è davvero Independent

Torna Lapo Elkann e ha voglia di dare i numeri. Ieri nel corso della presentazione delle novità firmate Italia Independent, ha infatti tenuto a precisare che il 2011 è stato un anno eccellente per la sua impresa: il fatturato dell'abbigliamento ha raggiunto i 2 milioni di euro nei 150 negozi top level del mondo e prevede di crescere del 30 per cento mentre quello degli occhiali ha toccato i 6 milioni con ben 140 mila pezzi venduti e una previsione di crescita del venti per cento.
Insomma ci sono tante ragioni perché Lapo appaia più che mai determinato, nonché felice di essere zio e tifoso eccellente della Juve intesta al campionato. «È un periodo di grande devozione alla mia azienda, alla mia squadra e ai miei tre nipoti. Non siamo un marchio di moda ma di stile e questo è un anno in cui bisogna pensare all'utile più che al dilettevole e rispettare i clienti» affermava mentre mostrava il fascino di una nuova stampa camouflage realizzata manualmente con una tecnica spray su maglieria, sciarpe e cuffie di lana e da una cartella colori intensi e lirici resi speciali da una tintura che come una poetica brina ricopre i tessuti.
E nel rispetto rientra anche un attento studio dei prezzi: dai 60 euro di una maglietta fino ai mille per i pezzi più pregiati. «È giusto fare così in un momento critico. Entreremo anche nel mondo dell'orologeria, della telefonia, della cucina e dell'immobiliare» annunciava sottolineando le novità che riguardano gli occhiali: le esclusive lenti I-Chromic che possono essere indossate 24 ore e gli I-Mirror, i primi occhiali al mondo con montatura specchiata.