L’Italvolley rosa «schiaccia» la Russia

L'Italvolley femminile regola i conti con la Russia, vendicando la sconfitta subita nella semifinale iridata dell'anno scorso e l'uscita della Nazionale maschile agli ultimi Europei. Un nuovo 3-0 (25-20, 25-22, 25-14) rifilato, dopo quello di giovedì, alle campionesse del mondo, che per la terza volta quest'anno cedono il passo alla nazionale di Barbolini. Ma se nel match di giovedì Aguero e compagne avevano passeggiato sulle riserve della Russia, ieri Caprara ha schierato tutte le stelle a sua disposizione. A partire dalla Solokova, le cui iniziative sono state costantemente neutralizzate dalla difesa italiana (grande prova della Cardullo).
Azzurre - alla settima semifinale europea - che partono subito alla grande, prendendo le misure dell'altissimo muro russo e scappando sul 25-16 grazie a un'Aguero in forma smagliante, che dopo un parziale a favore delle campionesse iridate sigla anche il punto del 25-21.
Le russe tornano a macinare punti e gioco nel secondo parziale, reso molto equilibrato anche da un calo di rendimento del muro italiano e da qualche errore di troppo da parte delle azzurre. Si procede punto su punto fino a quando l'Italia per la prima volta va avanti (19-18) su ace di Barazza, tra le migliori al servizio in una gara in cui c'è poca voglia di forzare in questo fondamentale (solo 4 ace in tutta la partita, 3 per la Russia). Nel momento più delicato del confronto sale in cattedra la Gioli: suo il primo tempo valido per il 22-20 e il muro decisivo su pipe della Sokolova che porta al secondo set point, chiuso dall'attacco di posto quattro di Secolo. A questo punto la vittoria è nelle mani italiane. La Russia esce dal campo e le azzurre dilagano.
Oggi (18.30) scenderanno in campo per la terza volta in una finale europea e si troveranno di fronte la Serbia che ha liquidato ieri sera la Polonia per 3 a 0 (27-25, 25-21, 25-21).