L’Italvolley sbatte sulla Russia

«Se facciamo a braccio di ferro con loro siamo spacciati. Ci vuole molta pazienza», Montali aveva avvertito i suoi alla vigilia del match contro la fortissima Russia. Invece quella di ieri è stata una battaglia di nervi, con l’Italia che regala l’intero secondo set (25-15) ai russi dopo aver già perso con più onore il primo (25-20) e prima di risvegliarsi a un passo dal baratro, andando al tie break.
Nel secondo set gli azzurri abbandonano il campo all’iniziativa avversaria. Specialmente Fei, che manca proprio nella partita più importante: Montali lo sostituisce con Perazzolo e non lo farà più entrare. La mossa sembra portare i suoi frutti, perché nel terzo parziale gli azzurri ritrovano la lucidità necessaria per ribattere colpo su colpo ai giganti russi e vincono 25-20 prima e 25-19 poi, incrinando le certezze dei padroni di casa. Che cominciano a vacillare sotto i colpi dell’opposto di riserva e un muro azzurro che diventa invalicabile.
Al tie break gli azzurri partono fortissimo e vanno avanti di 4, ma subiscono il ritorno russo con Poltavskiy che si gioca tutto per tutto a servizio e spegne le nostre residue speranze.
Condannata dalla sorprendente Finlandia di Berruto, vittoriosa sul Belgio, a scendere dal podio continentale dopo 18 anni, oggi l’Italia affronta i polacchi, ma ormai il nostro Europeo è finito. Gli azzurri, esclusi anche dalla Coppa del Mondo, cercheranno la qualificazione olimpica nel torneo di Smirne, in Turchia, dal 7 al 14 gennaio.