L’iter Un percorso a tappe forzate fino al 2011

Un percorso a tappe forzate. Milano arriverà comunque in ritardo: impossibile rispettare la scadenza del 31 marzo 2010 che la Regione ha dettato ai Comuni come termine ultimo per adottare il Piano di governo del territorio. Ma non ha dubbi che verrà concessa una proroga. Salvo sorprese, domani in giunta approverà il testo definitivo del Pgt. Sono già arrivati i pareri delle zone (negativo solo quello della 9, l’unica di centrosinistra). Dato l’ok e concluse le commissioni urbanistiche fissate in settimana, dopo l’8 dicembre la delibera approderà in consiglio comunale.
L’obiettivo è riuscire ad ottenere il via libera entro gennaio o al massimo febbraio. Poi ci saranno duecento giorni di tempo per consultare la città, raccogliere le osservazioni della società civile, imprese, università, mondo della cultura. Sette-otto mesi dunque, poi il passaggio del testo definitivo in giunta e di nuovo in consiglio comunale.