«Con l’odio vogliono uccidere la democrazia»

«Mi domando fino a quando dobbiamo sopportare tutto questo». È costretto a ripeterlo, per l’ennesima in questi giorni, il vicesindaco Riccardo De Corato, dopo che i centri sociali ieri si sono concentrati in largo Cairoli per contestare la manifestazione pro Israele al teatro Strehler, e sono scattati gli scontri con le forze dell’ordine. «Dopo aver aizzato i cortei degli islamici pro Hamas, in combutta con imam screditati, ora i centri sociali, non contenti, cercano di impedire anche una manifestazione democratica che si svolge al chiuso», incalza De Corato. Perché, si domanda, «a questa gente, cui già è permesso di occupare abusivamente luoghi pubblici e privati, è anche permesso sfondare i cordoni della polizia, infiltrarsi nei cortei per pilotare provocatori inginocchiamenti alla Mecca e fare da colonna portante all’incitamento d’odio contro uno Stato democratico».
«Non vorrei che questa ennesima sceneggiata dei centri sociali conclude De Corato - precludesse a un quinto corteo pro Hamas. Sarebbe una pessima replica di un altrettanto pessimo film la cui trama ha ormai stancato i milanesi».