L’Olocausto racchiuso in una lettera ingiallita

Si intitola La lista di Carbone (Mursia, pagg. 254, euro 17) il romanzo di Christiana Ruggeri, giornalista del Tg2 al suo esordio narrativo. Con linguaggio sciolto, giovanilistico, a volte persino crudo e dissacrante, racconta un frammento dell’Olocausto in modo del tutto inedito. La protagonista è Anna, una ragazza di oggi, superficiale e con l’arroganza dei giovani che non conoscono e non vogliono conoscere il passato. Sarà la casualità, l’imprevisto, a metterla in contatto con Cristina, una vecchia libraia dagli occhi chiarissimi e una grande tristezza nello sguardo, quella di chi ha incisa nell’anima la più grande tragedia. Appropriandosi delle sue lettere ingiallite che contengono i frammenti di un grande amore travolto dalla Shoah, Anna scoprirà se stessa attraverso l’inferno della memoria altrui.