L’omicidio Politkovskaja secondo Ottavia Piccolo

È stata assassinata mentre rincasava nella sua casa di Mosca. Ma Anna Politkovskaja non era una militante politica: era una semplice cronista, testimone della trasformazione della Russia post-sovietica. In scena stasera (ore 22) presso l'ex ospedale Paolo Pini, nell'ambito di «Da vicino nessuno è normale», «Donna non rieducabile», il recital di Ottavia Piccolo traccia la figura della giornalista ucraina. Ottavia Piccolo dà voce allo smarrimento, all'orrore, alla dignità e anche all'ironia del personaggio, con la forza e il coraggio di una attrice che si identifica fino in fondo in quei valori di libertà, in un percorso di approfondimento artistico e teatrale che si concretizza in un evento di grande intensità poetica.\