L’Opec decide su nuove quote

da Milano

L’effetto Katrina sarà domani sul tavolo dell’Opec: i maggior Paesi produttori di petrolio si troveranno riuniti per discutere un eventuale aumento delle quote. La maggior parte degli esperti si attende un’ulteriore apertura dei rubinetti (la terza dell’anno), nell’ordine di 500mila barili al giorno, da parte dei signori dell’oro nero, in virtù delle preoccupazioni che gravano sull’economia mondiale, provocate dal prezzo del greggio.
Il ministro del Petrolio dell’Arabia Saudita, numero uno dei produttori Opec, si è detto pronto a sostenere l’aumento delle quote. Ma ha anche aggiunto che il problema non è tanto nella quantità di greggio sul mercato, ma l’inadeguatezza delle raffinerie nel soddisfare la forte domanda esistente di prodotto lavorato.