L’Opera Giocosa invita alla danza

Un «Invito alla danza» al Castello del Priamàr di Savona inaugurerà la stagione lirica estiva organizzata dal Comune di Savona e dal Teatro dell'Opera Giocosa. Domani sera alle 21.15 sarà di scena l'Orchestra Sinfonica di Sanremo, una delle istituzioni orchestrali più importanti d'Italia, diretta da Piero Bellugi, grande nome della musica italiana che ha guidato le maggiori orchestre internazionali, nei maggiori teatri e festival del mondo.
Il concerto prevede le più belle e note pagine musicali tratte da famosi balletti o scritte per la danza, quali la suite dallo Schiaccianoci di Tschaikowsky, le tre danze tedesche di Mozart, le sette danze popolari romene di Bartok, le danze Polovesiane dal Principe Igor di Borodin, con la curiosità di conoscere direttamente a concerto quali saranno i bis. Prezzo d'ingresso al concerto 15 euro (la biglietteria è allestita nell'atrio del palazzo comunale, piazza Sisto IV, con orari 10-12.30 e 16-18.30, tel 019/8310660, la sera stessa degli spettacoli aprirà la biglietteria al Priamàr, alle ore 20).
Il tema del concerto anticipa inoltre la novità di quest'anno: come «Teatro di Tradizione», l'Opera Giocosa aggiunge ai suoi programmi la grande danza accanto ai maggiori titoli lirici. Andando per ordine, dopo l'invito alla danza ci sarà, dal 7 al 16 luglio, il Rigoletto di Giuseppe Verdi con L'Orchestra Sinfonica di Savona diretta da Giuseppe di Stefano. Protagonisti principali saranno Stefano Antonucci, l'affermato baritono e specialista verdiano che torna a calcare le scene dell'Opera Giocosa teatro con cui aveva mosso i primi passi nel mondo della lirica (si alternerà nel ruolo di Rigoletto con Silvio Zanon); Yolanda Auyanet, acclamata interprete lo scorso anno di Traviata (si alternerà nella parte di Gilda con Linda Campanella); mentre nel ruolo del "libertino" Duca di Mantova il giovani Andrea Cesare Coronella, recente vincitore del concorso Giuseppe Di Stefano, e Francesco Marsiglia, che si è imposto invece nel Concorso del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto. L'Orchestra Sinfonica di Savona sarà diretta da Giovanni Di Stefano, con il Coro Lirico Polifonico Manzino di Savona diretto da Franco Giacosa. La regia, che si annuncia molto curata e particolarmente introspettiva dei caratteri dei personaggi, è di Elisabetta Courir, scene e costumi di Guido Fiorato.
All'indomani dell'ultima recita di Rigoletto, domenica 17 luglio alle ore 21.15, ci sarà un altro concerto che vedrà ancora protagonista l'Orchestra Sinfonica di Sanremo con un programma più leggero ma certamente non meno interessante. Verranno proposte le più belle canzoni italiane di sempre, interpretate dai due vincitori dell'Accademia della Canzone di Sanremo: Giovanna D'Angi (che ha partecipato all'ultima kermesse festivaliera) e Massimiliano Arizzi. I brani sono stati ri-arrangiati per orchestra sinfonica dal Maestro Roberto Molinelli, che dirigerà il concerto.
Pochi giorni dopo, debutterà la danza a Savona, in una veste oltretutto rara a livello nazionale: per la prima volta a Savona ci sarà la Giselle, con il Balletto Teatro di Torino, la grande star internazionale Maximiliano Guerra e l'Orchestra Sinfonica di Savona diretta da Guido Maria Guida.