L’opposizione chiede dimissioni della giunta

L'opposizione ha chiesto ieri le dimissioni della giunta comunale di Ventimiglia e minaccia di salire sull'Aventino, in seguito all'ultimo scandalo che ha investito l'amministrazione. La procura di San Remo ha inviato un avviso di garanzia a un funzionario, Armando Bosio, addetto ai servizi di nettezza urbana. «Ormai tutta una serie di uffici chiave - dichiara Sergio Scibilia, capogruppo Ds in Comune - urbanistica, nettezza urbana, servizi sociali, è sotto inchiesta. Riteniamo che non sia possibile al sindaco amministrare in queste condizioni. Chiediamo l'azzeramento della giunta e se non arriveranno le dimissioni e il sindaco non prenderà misure significative, come quella di rimuovere dagli incarichi chi è sotto inchiesta, non ci presenteremo più in consiglio». Armando Bosio è accusato di concussione nei confronti della società Docks Lanterna che si era aggiudicata l'appalto per il servizio raccolta di rifiuti del Comune. Le presunte tangenti riguarderebbero incarichi fuori dell'appalto, ma già approvati dal consiglio. Il funzionario avrebbe preteso tangenti per eseguire pratiche dovute. La notizia è stato riportata alla magistratura dallo stesso sindaco Giorgio Valfrè (Forza Italia), che l'ha appresa da uno dei consiglieri della maggioranza, Gaetano Scullino (Fi).