L’opposizione: «Fabiani lasci la carica Acea»

La nomina del presidente di Acea Fabiano Fabiani a consigliere Rai scatena la polemica in consiglio comunale. Dopo l’appello dei tredici consiglieri della maggioranza al sindaco Veltroni per sollecitare la rinuncia del neo-consigliere Rai all’incarico nell’azienda capitolina, la parola passa all’opposizione. Dai capigruppo di An, Marco Marsilio, Udc, Dino Gasperini, e Fi, Michele Baldi, arriva una nota congiunta contro gli «amministratori col doppio incarico, e quindi part-time, nelle aziende comunali, soprattutto in quelle strategiche per la città come l’Acea». «Non è un caso - proseguono i tre - che gli amministratori delle aziende comunali siano superpagati. Il loro stipendio deve garantire un’attenzione esclusiva all’interesse della città». L’opposizione, quindi, non si accontenta della replica dell’assessore al Bilancio Marco Causi, che martedì aveva smorzato i toni della polemica aperta dai consiglieri della sua stessa maggioranza. Per Causi, infatti, non sussiste «alcuna incompatibilità, né giuridica né sostanziale, tra la recente nomina di Fabiani e il mantenimento dell’attuale carica di presidente Acea». Oggi l’opposizione presenterà in consiglio un documento unitario in cui si chiede al sindaco di rimuovere Fabiani dalla presidenza Acea.